Tags: reviewrecensioneCM Stormunboxingmouse gamingReaperAluminum Series

reaper 11Oggi andremo a recensire per voi il nuovissimo CM Storm Reaper, un mouse di fascia alta disegnato da Cooler Master e caratterizzato dall'adozione di alluminio per alcune parti esterne del prodotto. Questo mouse inaugura la nuova serie Aluminum di CM Storm, assieme alla tastiera Mech e all'headset Pulse-R.

Sotto la scocca troviamo impiegato l'ormai noto Avago ADNS 9800, CM Storm è stata una delle prime ad adottarlo nel suo Sentinel Advance II, seguita poi da molti altri produttori.

 

 

001-CM storm

 

La seconda feature interessante di questo prodotto è sicuramente il pulsante laterale per il controllo della risoluzione del sensore, che varia le performance del ADNS 9800 fintanto che rimane premuto.

Vedremo nelle prossime pagine le caratteristiche di questo nuovo mouse, nel frattempo ecco un’anteprima del prodotto con il consueto video di unboxing:

 

 

CM Storm Reaper Prodotto recensito da Ivan Disirò in data 19 Novembre 2013. Voto: 4,5. Prezzo medio in Italia 70€

Specifiche Tecniche

Le specifiche tecniche riportate sulla confezione sono le seguenti:

 

Avago 9800 High Precision Laser Sensor
Struttura del corpo realizzata in alluminio e plastica soft touch
1000Hz polling con 1 ms di tempo di risposta
32kB flash onboard memory per profilo
Quattro profili on-board
8 Pulsanti programmabili
1.8m Cavo in treccia di tessuto con connettore placcato oro
LED bianco frontale e sul dorso
Placca in alluminio personalizzabile

 

Le specifiche tecniche sono molto simili a quelle del Sentinel Advance II, tuttavia, rispetto a questo, il Reaper perde alcune feature marginali come il display OLED, la regolazione del peso tramite massette e i LED RGB.

Non ci sono solo perdite però, infatti il Reaper acquista una nuova interessante feature, ovvero il pulsante laterale che permette la regolazione della sensibilità ad un livello prestabilito fintanto che rimane premuto. Questo pulsante è simile a quanto già visto su altri mouse (Corsair M60/65, Rat 9 etc) ed è sicuramente un valore aggiunto che compensa ampiamente le feature perse.

 


Packaging e Bundle

La confezione del nuovo Reaper di casa CM Storm è decisamente diversa da quanto visto in passato, i colori caldi delle “fiamme” lasciano spazio al silver (che ricorda la presenza dell'alluminio) mentre il viola spezza il nero che rimane comunque il colore principale.

reaper d1

 

Nella parte frontale abbiamo il nome del prodotto e alcune informazioni tecniche, come la presenza di un sensore da 8200 dpi, pulsanti programmabili e ergonomia per destrorsi

 

reaper d2

 

La parte posteriore riporta invece le feature importanti del mouse nella zona superiore, mentre sotto abbiamo le specifiche complete già elencate nella pagina precedente.

 

reaper d3

 

La confezione vera e propria all'interno è completamente nera; aperto il cofanetto troviamo subito un opuscolo introduttivo che cela il mouse. Non c'è molto all'interno della confezione, a differenza di quanto visto in altri mouse di casa CM Storm.

reaper d5

reaper d6

 


Il Mouse

 

Parliamo ora del protagonista, il Reaper. La forma del nuovo mouse di casa CM Storm è abbastanza diversa dai predecessori ma le linee rimangono comunque caratteristiche. Si tratta di un mouse per destrorsi, particolarmente ergonomico, principalmente realizzato in plastica soft touch.

 

reaper 0 

 

Osservando il mouse dall'alto probabilmente lo scroll luccicante sarà il primo elemento ad attrarre la nostra attenzione, completamente realizzato in alluminio, è caratterizzato da una superficie dentellata al fine di favorire il grip. Molto bella, inoltre, l'apertura nella parte anteriore da cui parte il cavo USB. 

 

reaper 02 reaper 2

 

Verso la parte centrale abbiamo i due pulsanti che di default permettono il controllo del sensore, facilmente individuabili al tatto.

 

reaper 6 

 

Il dorso è caratterizzato da due aspetti principali, la barra luminosa a LED e la placca in alluminio che riporta il logo CM Storm. 

 

reaper 10

 

Questa placca è removibile mediante la vite posta nella parte inferiore; essa viene indicata come personalizzabile, CM Storm probabilmente ha pensato alla possibilità di verniciarla o inciderla. In futuro sarà magari possibile anche stamparla con una stampante 3D!

 

reaper 5

 

Il lato sinistro del mouse è sicuramente importante; abbiamo i due classici pulsanti avanti/ indietro, accompagnati dal nuovo pulsante anteriore che di default permette di bloccare il sensore ad una risoluzione indicata per il tempo che rimane premuto. Possiamo anche osservare l'ergonomia particolarmente pronunciata di questa zona del mouse.

 

reaper 3 

 

Nella parte destra non è presente nessuna caratteristica, mentre nella parte inferiore abbiamo 3 generosi mousefeet in teflon per garantire un'ottima scorrevolezza del mouse.

 

reaper 8

 

Curiosa è l'implementazione del sensore, che risulta ruotato di 90° rispetto all'implementazione tipica, possiamo vedere il confronto con il Sentinel Advance II.

 

reaper 9 sentinel adv2_5

 

Il cavo è in treccia di tessuto, con connettore placcato oro. Manca il filtro in ferrite anti disturbo, che però ha un ruolo marginale. Possiamo anche notare i due LED frontali.

 

reaper 1 reaper 4

 Il CM Storm Reaper è dotato di LED bianchi, vediamo insieme quali regolazioni sono possibili in questo video dimostrativo:


Driver

 

Anche i driver del Reaper hanno subito un restyling; aperto il software la prima schermata che ci troviamo di fronte è quella dedicata alla mappatura degli 8 pulsanti presenti sul prodotto di casa CM Storm. Possiamo però anche notare nella parte inferiore i 4 profili caricati sul mouse, a cui possiamo associare delle immagini. Per ogni pulsante possiamo scegliere tra molte funzioni, tra cui quelle standard: la replica di tasti della tastiera o pulsanti del mouse, macro, controllo del sensore o AiM (che è la funzione predefinita del tasto aggiuntivo del Reaper).

 

reaper d1 reaper d8

 

Curiosa la possibilità di spegnere/accendere il sensore, mai vista in precedenza. Possiamo inoltre vedere come vengono replicati dei tasti della tastiera o del mouse (che in realtà possono essere delle vere e proprie semplici macro). La regolazione della funzione Aim avviene tramite l'apposita barra a cursore, non è possibile però indicare la risoluzione ad assi indipendenti.

 

reaper d7 reaper d9

reaper d10

 

“Proprietà” è la seconda scheda dei driver, dalla quale si può regolare il sensore (su 4 step, anche ad assi indipendenti), controllare i LED e il tempo di risposta dei pulsanti. Sono anche presenti alcuni parametri tipicamente presenti nei driver di base di Windows.

reaper d2

 

“Macro” è la tab per la creazione delle macro, abbiamo un tool davvero completo. Possiamo registrare il delay, imporlo statico, modificare la sequenza appena creata e aggiungere nuovi blocchi ad una macro già creata. Sempre da questa schermata si può indicare il tipo di esecuzione della Macro.

reaper d3

 

Da “Profili gioco” possiamo gestire i profili creati per il Reaper, 4 dei quali sono costantemente caricati a bordo della memoria del mouse, da 128KB. I profili possono essere esportati e importati.

 

reaper d4

 

“Library” è la tab dedicata alla gestione delle macro, mentre “Assistenza Tecnica” è la tab per il supporto del prodotto.

 

reaper d6 reaper d5

 


Impressioni d'uso

 

Il primo aspetto da affrontare in questa parte è sicuramente l'ergonomia del mouse. Il nuovo nato di casa CM Storm è un mouse pensato per giocatori destrorsi ed è particolarmente ergonomico, come abbiamo potuto osservare dalle foto nelle pagine precedenti.

La presa claw grip è sicuramente impossibile da utilizzare con questo mouse, in quanto ci si troverebbe in difficoltà nell'usare anche i tasti principali, mentre la presa flat finger è tutto sommato possibile a fronte di importanti limitazioni. Lateralmente, infatti, sarà possibile raggiungere solo l'ultimo pulsante laterale, quello più arretrato, e anche lo scroll risulta difficilmente raggiungibile senza riposizionare la mano sul mouse. A questo si va ad aggiungere la forma della parte finale del mouse, molto larga, che infastidisce i movimenti del Reaper durante il gioco andando a toccare il palmo della mano continuamente.

Appare chiaro che questo mouse è a tutti gli effetti pensato per una presa palm grip e difficilmente restituirà con le altre prese un feedback appagante durante l'uso ludico. È comunque da osservare che il pulsante laterale introdotto nel Reaper risulta decisamente avanzato, anche con la presa palm grip nel nostro caso riusciamo a premerlo dal bordo con la punta del pollice senza riposizionare la mano.

Abbiamo provato il Reaper in alcune sessioni di gioco sia con Battlefield 3 che Team Fortress 2, entrambi FPS. Le prestazioni del sensore Avago ADNS 9800, già incontrato in precedenza, vengono riconfermate anche in questo modello, nonostante il posizionamento diverso del sensore. Il mouse è preciso (in particolare su superfici rigide) e non si discosta dagli altri prodotti caratterizzati dal medesimo sensore per quanto riguarda la tracciatura, tuttavia, nell'insieme abbiamo incontrato alcuni nei “nascosti”.

Il primo riguarda lo scroll, gli scatti sono decisamente troppo morbidi e ravvicinati, poco percepibili, ma soprattutto imprecisi (in particolare nel cambio di rotazione). Inoltre, abbiamo notato un leggero gioco trasversale che probabilmente amplifica i difetti sopra indicati.

Il secondo difetto è limitrofo allo scroll ed è dato dal pulsante tipicamente utilizzato per aumentare i DPI del sensore. Ci è capitato più volte di aumentare involontariamente la risoluzione del sensore mentre tentavamo di premere lo scroll con l'indice. Questo aspetto però potrebbe essere solo soggettivo e probabilmente assente se si utilizza il dito medio per premere lo scroll.

I materiali sono molto pregiati al tatto, in particolare la placca metallica posteriore, a livello software manca ancora la regolazione del Lift Off Distance a livello di driver, anche se abbiamo un LOD davvero contenuto tanto da non far sentire l'assenza dell'impostazione.

 


Conclusioni

 

oro

 

Performance

4,5 stelle - copia

A livello tecnico il Reaper si posiziona decisamente in alto. Ottima la presenza del tasto e della funzione Aim, il mouse è completo, anche a livello di driver. Poco preciso però lo scroll e il pulsante AIM è leggermente distante anche con una presa palm grip.

Qualità

4,5 stelle

La qualità è decisamente buona! Troviamo plastica soft touch e alluminio per la parte esterna. Il mouse è solido, non sono presenti scricchiolii di sorta ed è decisamente piacevole al tatto.

Design

4,5 stelle

Esteticamente accattivante, il Reaper è bello da vedere ed ha una ergonomia disegnata per una presa palm grip.

Prezzo

4,5 stelle

Il prezzo indicativo del Reaper è di 70€, allineato con quello di prodotti analoghi. La qualità è buona, come le caratteristiche tecniche, il prezzo è perciò giustificato.

Complessivo

4,5 stelle

 

 

Concludendo questa recensione, possiamo dire che il CM Storm Reaper è un prodotto decisamente valido, le features sono ottime e l'estetica accattivante. Abbiamo un Avago da 8200 DPI sotto il cofano, che offre ad oggi le più elevate performance per quanto riguardano i mouse da gioco.

È chiaramente un prodotto destinato ai giocatori palm grip, difficilmente adattabile ad altre prese. Il più grande neo di questo prodotto è sicuramente lo scroll, con scatti ravvicinati e troppo poco marcati, inoltre soffre di un leggero gioco trasversale.

Il software è completo, manca però il controllo del Lift Off Distance che comunque è decisamente buono. Il prezzo di 70€ circa è allineato con i concorrenti, ma soprattutto è adeguato al Reaper che qualitativamente è un ottimo mouse con ottime specifiche tecniche.

 

 

La domanda che forse molti di voi si porranno a questo punto probabilmente è:

“Quale è il migliore tra il Reaper e il Sentinel Advance II ?”

Entrambi i mouse sono indirizzati per una presa palm grip, entrambi sono dotati del medesimo sensore, entrambi sono per destrorsi e hanno un software simile, tuttavia il Reaper ha dalla sua il pulsante Aim mentre il Sentinel Advance II ha il display OLED, le massette e uno scroll migliore. Non c'è un vincitore netto, il tasto Aim è sicuramente un vantaggio del Reaper che però può interessare per lo più i giocatori di FPS, in ogni caso è una scelta molto soggettiva (anche solo rimandabile all'estetica) in quanto i due prodotti sono più o meno sullo stesso livello.

 

Pro

  • Sensore
  • Ergonomia
  • Materiali
  • Finitura
  • Tasto Aim

 

Contro

  • LOD non regolabile (ancora)
  • Scroll impreciso

 

Si ringrazia CM Storm per aver reso possibile questa recensione.

Ivan Disirò