Tags: AsustegraPadfone 2antutuASUS PadFone 2 videoreviewASUS PadFone 2 videorecensioneASUS PadFone 2 recensioneASUS PadFone 2 review

asus-padfone-2Qualche giorno fa la redazione vi ha proposto la video recensione dell’Asus Nexus 7, tablet economico dalle ottime caratteristiche e performance. Quest’oggi ciò che vi proponiamo è il test di un altro dispositivo Asus, dalle caratteristiche ancora più interessanti e particolari; l’Asus PadFone 2.

 

 

 

 

 

 

In questi giorni il mercato mobile degli smartphone è in fermento per via del lancio di numerosi terminali dotati di caratteristiche tecniche strabilianti come ad esempio il Samsung Galaxy S IV  o l’HTC One, giusto per citarne un paio.

Asus dal suo canto decide di non restare a guardare, presentando il nuovo PadFone Infinity, terminale dotato di processore Qualcomm Snapdragon 600 da 1.7Ghz quad-core, Adreno 320 per quanto riguarda la grafica, schermo da 5” FullHD, una fotocamera da 13MP posteriore e da 2MP anteriore ed una batteria da 2400mAh.

Come saprete il PadFone può essere acquistato insieme alla PadFone Station, un tablet che, nella versione Infinity, ci permette di visualizzare i nostri contenuti su uno schermo 10.1” FullHD e dotato di batteria da 5000mAh.

Attualmente tale prodotto non è ancora disponibile in quanto solamente presentato dall’azienda taiwanese ma è attualmente disponibile il fratello minore che, per adesso, rimane il top di gamma per quanto riguarda le proposte di Asus; il PadFone 2.

 

asus logo

 

ASUSTek Computer Inc. è una compagnia taiwanese fondata nel 1989 da Ted Hsu, TH Tung, Wayne Hsieh e MT Liao. Riuscita sin da subito a farsi apprezzare nel mercato delle schede madri grazie a prodotti di eccellente qualità e dall'utilizzo di soluzioni innovative, ha riscosso notevole successo anche per quanto riguarda le sue schede video, riuscendo ad ottenere moltissimi riconoscimenti in tutto il mondo.

Durate gli anni l'azienda si è contraddistinta divenendo un marchio di punte nel settore I.T. Grazie alla qualità eccellente ed alla varietà dei prodotti introdotti sul mercato, dalle schede madri, ai computer portatili, passando per schede video, all-in-one pc, unità ottiche e, recentemente, PadFone e tablet.

 

asus home

 

L’Asus PadFone 2 è un terminale lanciato sul mercato nel dicembre 2012 e provvisto di componenti hardware high-end.

La caratteristica principale di questo prodotto è sicuramente la possibilità di inserire il terminale nel comodo display da 10.1 pollici che ci permette di fruire dei contenuti in maniera più confortevole.

Il PadFone 2 è stato commercializzato con la versione 4.0.9 di Android ma ad oggi è disponibile l’aggiornamento alla versione 4.1.1.

Nelle prossime pagine ne elencheremo le caratteristiche e vi mostreremo i risultati dei benchmark.

 

Per vedere il PadFone 2 in funzionamento vi lasciamo invece alla nostra videorecensione.

 

 

 

 

ASUS PadFone 2 Prodotto recensito da Angelo Ciardiello in data . Voto: 5

 

Asus PadFone 2: Specifiche tecniche

 

Di seguito riportiamo la tabella che riassume le caratteristiche tecniche del prodotto.

Ricordiamo che tali informazioni le possiamo trovare sul sito del produttore a questo indirizzo:

 

 

spec

 


 

Asus PadFone 2: Prestazioni, benchmark sintetici

 

Per valutare le prestazioni dell'Asus PadFone 2 ci siamo basati su  un noto benchmark presente sia sull’App Store sia sul Google Play: GLBenchmark 2.5 offre la possibilità di comparare dispositivi basati su sistema operativo iOS e quelli basati sul sistema operativo Android. Per quanto riguarda i dispositivi Apple, i benchmark hanno un peso marginale in quanto è disponibile un'unica configurazione hardware, su Android invece è utile per valutare le differenze prestazionali tra i vari prodotti presenti sul mercato.

Altro software che possiamo trovare gratuitamente sul Google Play è Quadrant Standard; questa applicazione permette, di valutare le performance complessive del sistema e, una volta ricavato il risultato finale, compararlo con quanto fatto registrare da altri prodotti caricando il risultato online.

AnTuTu, infine, è un’applicazione la quale, come le precedenti, stressa la componentistica del proprio smartphone o tablet e ne restituisce un punteggio globale e suddiviso per categorie.

I componenti analizzati sono la CPU, la GPU, la RAM e il sistema di Input/Output del terminale.

Di seguito i grafici riportanti i risultati dei test iniziando da GLBenchmark.

 

glbenc 1

 

glbenc 2

 

glbenc 3

 

glbenc 4

 

glbenc 5

 

glbenc 6

 

glbenc 7

 

Compariamo i risultati con i tre mobile device recensiti precedentemente, parliamo dell'iPad (terza generazione), dell’Acer A501 e dell’Asus Nexus 7 recensito nel mese di febbraio.

Come possiamo evincere dai grafici l’iPad vince in tutti i test, eccezion fatta per quelli relativi al preset “Egypt HD 2.5” dove l’adreno 320 mostra i muscoli facendo registrare il punteggio più alto.

L’Asus Nexus 7 si posizione al terzo posto grazie al processore Tegra 3 che risulta più potente del più vecchio Adreno 250, presente all’interno dell’Acer A501.

Dopo aver mostrato i test relativi all’applicazione GLBechmark ecco i risultati registrati da Quadrant Standard, comparati con altri device.

I valori sono arrotondati in quanto i dati vengono forniti direttamente dal software.

 

quadrant

 

Il grafico mostra la potenza di questo terminale che raggiunge la vetta della nostra classifica, staccando l’LG LS970 Eclipse di 367 punti.

Il terzo posto è occupato dall’ottimo HTC One X seguito dall’Asus Nexus 7.

Ultimo, ma non per importanza, il benchmark AnTuTu.

 

antutu

 

In questo caso non siamo riusciti a comparare questo prodotto con quelli precedentemente testati e quindi ci limitiamo a riportare l’ottimo risultato di 21633 punti registrati dall’Asus PadFone 2.

Questo è un risultato di altissimo livello se pensate che il Samsung Galaxy S4 nei test pre-vendita ha fatto registrare un valore, seppur di poco, inferiore.

 


 

Asus PadFone 2: Prestazioni, durata batteria e schermo

 

Tra le caratteristiche tecniche di questo prodotto spiccano i valori relativi alla batteria del telefono e del tablet, 2140mAh per il primo e 5000mAh per il secondo.

Questi sono valori che fino all’attuale presentazione delle nuove soluzioni e terminali più grandi esclusi (ad esempio Samsung Note II) erano top di gamma e che rimangono tutt’ora elevati.

La comodità di questo terminale è data dalla possibilità di utilizzare la PadFone Station per ricaricare e quindi alimentare la batteria dello smartphone oppure per dimezzarne il consumo, utilizzando le batterie al 50% ciascuno.

Se non utilizziamo il telefono possiamo quindi inserirlo nella Station per ricaricarlo prolungando di circa 3 volte la durata della batteria del telefono che, se utilizzato con parsimonia, può rimanere attivo per addirittura 4 giorni circa.

Ovviamente la durata della batteria è relativa all’utilizzo del dispositivo ed alle funzioni abilitate, così come è legata al livello di illuminazione dello schermo.

Utilizzando il dispositivo alla luminosità massima, in configurazione boost e con WiFi + 3G abilitato, siamo riusciti a scaricarne il 50% della batteria in quasi 4 ore circa di utilizzo continuo tra giochi e video online.

Lo schermo del telefono è un 4.7” SuperIPS con risoluzione HD da 1280x720 pixel che regala immagini davvero eccezionali.

Se vogliamo usufruire al massimo della bellezza di questo schermo impostiamo la luminosità al massimo e, anche se la durata della batteria diminuirà, potremo goderci immagini e filmati ad una qualità incredibile grazie all’elevata risoluzione a 371 dpi.

La PadFone Station, invece, è dotata di 10.1 pollici IPS alla risoluzione di 1280x800 che però regala immagini meno dettagliate e brillante a causa dei soli 149 dpi.

Ciò non toglie una elevata qualità di visualizzazione dei contenuti multimediali e delle immagini che, nella maggior parte dei casi, si godono meglio su questo display piuttosto che su quello del telefono, proprio a causa delle dimensioni.

 


 

Asus PadFone 2 e PadFone Station da vicino

 

L’Asus PadFone 2 è venduto sia singolarmente che in accoppiata con PadFone Station con circa 200€ di differenza.

Noi abbiamo testato la versione bundle da 16GB che viene venduta in due confezioni separate, una per il telefono ed una per la Station; entrambe le confezioni non regalano molte informazioni all’acquirente e vedono l’immagine del prodotto su di essa con il logo dell’azienda ed il modello stampato.

Senza indugiare quindi sulla confezione andiamo a vederne il contenuto ed a descrivere i due dispositivi partendo dal telefono.

 

bundle

 

La confezione della PadFone Station non contiene nient’altro che il pad stesso mentre tutto il bundle viene fornito insieme al telefono.

All’interno della confezione abbiamo trovato:

  • Il PadFone 2
  • 3 manuali quick in giapponese (sarà probabilmente in italiano nelle versioni retail)
  • Un cavo USB che permette il collegamento dei terminali al PC o alla rete elettrica
  • L’alimentatore per collegare il terminale alla rete elettrica
  • Una clip in metallo che permette l’apertura dello slot Micro-SIM
  • Cuffie
  • Cartoncini con codice IMEI e Serial Number

 

Andiamo a descrivere il prodotto.

 

La parte frontale del PadFone 2 è caratterizzata dall’ampio display da 4,7 pollici, dalla fotocamera frontale da 1.2MP posizionata nella parte alta del telefono e, nella parte bassa, dai tre bottoni di navigazione e dal logo Asus marchiato sulla scocca.

Il telefono presenta molta cornice rispetto al display, questo è probabilmente dovuto alla batteria molto capiente da 2140mAh.

Il retro è invece caratterizzato da una scocca antiscivolo dove trovano spazio il logo PadFone nella parte bassa, la fotocamera da 13MP, il flash e lo speaker nella parte alta.

Purtroppo notiamo che la scocca non si apre e quindi la batteria non è rimovibile.

 

padfone2 front  padfone2 back

 

La parte alta del telefono presenta il foro per l’inserimento del jack cuffie ed un foro più piccolo che permette l’apertura dello slot per l’inserimento della micro-SIM.

 

padfone2 top

 

La parte bassa del prodotto, invece, vede l’ingresso micro-USB con due fori laterali che permettono l’inserimento del telefono nella Station.

 

padfone2down

 

Tutti i tasti presenti, quello di accensione/standby e quelli del volume, sono presenti sulla parte destra del telefono, lungo la striscia in alluminio che, grazie alla apposita sagomatura, permette il corretto inserimento nella PadFone Station.

 

padfone2 side1  padfone2-side2

 

La PadFone Station, invece, è caratterizzata dall’ampio display da 10.1 pollici dotato però di una cornice abbastanza generosa dove trovano spazio la fotocamera frontale da 1MP ed il logo Asus, sulla parte frontale.

 

padfone2 front

 

I bottoni e l’ingresso micro-USB hanno sede lungo i bordi arrotondati della Station.

 

pf2stationside  pf2station side1  pf2station side2

 

Il retro della PadFone Station è caratterizzato dal vano che consente l’inserimento del telefono nella Station che, a differenza del modello precedente, non è dotato di nessuno sportello e permette l’utilizzo della fotocamera posteriore da 13MP.

Sulla parte destra troviamo  lo speaker che regala un buon audio anche se, come già detto in precedenti occasioni, preferiremmo che le aziende iniziassero ad utilizzare un doppio speaker stereo alloggiato su entrambi i lati dei prodotti.

 

pf2station back  ps2station back  pf2station speaker  padfone1  padfone2  padfone3

 

Dando uno sguardo al terminale ci salta all’occhio un’altra caratteristica che fa storcere un po’ il naso, la mancanza di uno slot SD per l’espansione della memoria.

 


 

Asus Nexus 7: conclusioni

 

 

oro  performance

 

Prestazioni 5 stelle

Le prestazioni di questo prodotto sono eccellenti, permette di visualizzare contenuti in alta definizione sull'ottimo schermo IPS, la durata della batteria è notevole e possiamo passare ore spensierate con giochi e contenuti multimediali grazie anche all’ampio display da 10.1” della Station.Le applicazioni ottimizzate permettono uno switch veloce da telefono a tablet.Purtroppo manca il lettore di schede SD, utile a nostro avviso, in device di questo tipo.

Qualità 5 stelle I materiali e la costruzione di questo terminale sono eccellenti, abbiamo plastiche rigide ed alluminio con schermo resistente sia per il telefono che per la Station
Design 4,5 stelle Linee morbide con bordi arrotondati e un design curato rendono questo terminale uno dei più belli presenti sul mercato, la Station permette l’utilizzo della fotocamera da 13MP del quale è dotato il telefono e grazie ai bordi arrotondati la presa è salda
Prezzo 4 stelle

Il solo telefono è acquistabile online ad un prezzo che oscilla tra i 550 e i 599€ in configurazione da 32GB mentre in bundle con la PadFone Station ad un prezzo che si aggira sui 670€ circa. Il prezzo è stato rivisto dopo il lancio dell’Infinity, infatti era precedentemente disponibile alle cifre di 699€ solo telefono, e 799 o 899€ con Station

Complessivo 5 stelle

 

 

La media dei voti assegnati è di circa 4.6 e noi abbiamo arrotondato volentieri al 5 per un prodotto senza compromessi da chi vuole il massimo delle prestazioni dal proprio terminale, in accoppiata con il tablet.

Il processore Snapdragon S4 quad-core da 1.5Ghz, la GPU Adreno 320 e i 2GB di RAM regalano performance da primato e, grazie all’ottimo schermo Super IPS HD, possiamo godere di contenuti multimediali in alta definizione.

La batteria è durevole e, grazie anche all’accoppiata con la PadFone Station, possiamo quasi dimenticarci di ricaricare il terminale.

L’ottimizzazione delle applicazioni preinstallate permette lo switch veloce da terminale a tablet senza dover chiudere le applicazioni; molto comodo se siamo su internet ed inseriamo il telefono nel pad, oppure se stiamo componendo un messaggio.

La navigazione è comoda e veloce, il rendering delle immagini immediato anche in fase di zoom.

Il design e gli ottimi materiali in combinata con le opportunità che regala questo dispositivo lo rendono ideale per chi lavora o per chi vuole comunque un prodotto all’ultimo grido.

Il prezzo è del tutto in linea con le performance di questo prodotto anche se l’uscita dei nuovi terminali fanno propendere per un abbassamento dei prezzi.

Purtroppo le compagnie telefoniche italiane non hanno inserito questo prodotto nei loro piani di abbonamento che, grazie ad un pagamento rateizzato, avrebbe regalato sicuramente la giusta gloria a questo formidabile prodotto.

 

Pro

  • Performance elevate
  • Schermo 4,7 pollici IPS HD
  • Schermo 10,1” pollici IPS 1280x800
  • dimensioni e peso contenuto
  • Android Jelly Bean 4.1.1
  • 16GB di memoria
  • 2GB DDR2 RAM
  • Batteria di lunga durata

 

Contro

  • Mancanza memoria espandibile
  • Batteria non rimovibile

 

Ringraziamo Asus per il sample fornitoci

Angelo Ciardiello